Shiba – Lo Standard

Fci standard 257
SHIBA

ORIGINE: Giappone

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 30.10.2016

UTILIZZAZIONE: Cane da caccia per uccelli e piccoli animali

CLASSIFICAZIONE F.C.I. : Gruppo 5 cani di tipo spitz e di tipo primitivo Sezione 5 spitz asiatici e razze affini
Senza prova di lavoro

BREVE CENNO STORICO : Lo Shiba è una razza autoctona del Giappone fin dai tempi antichi; nella terra
d’origine la parola “shiba” indica qualcosa di “piccolo”, un “piccolo cane”: nell’habitat dello Shiba, la zona
montana prospiciente il Mar del Giappone, questo cane era utilizzato per la caccia a piccoli animali o
uccelli. Vi erano leggere differenze nelle razze a seconda delle aree dove venivano allevati. Poiché cani
come il Setter Inglese ed il Pointer Inglese venivano importati dall’Inghilterra durante il periodo del 1868-
1912, la caccia diventò uno sport in Giappone e si diffuse l’uso di incrociare gli Shiba con questi cani inglesi
e lo Shiba puro divenne raro; dal 1912 al 1926 in queste zone gli Shiba puri erano estremamente ridotti.
Dal 1828 circa, cacciatori ed altre persone colte si interessarono alla conservazione degli Shiba puri e si
cominciò seriamente a tutelare il numero limitato della razza pura; lo standard fu finalmente unificato nel
1934. Nel 1937 lo Shiba fu considerato un “monumento naturale” dopo di che la razza fu allevata e
migliorata fino a diventare la razza superiore conosciuta oggi.

ASPETTO GENERALE Cane di piccola taglia, ben proporzionato, con buona ossatura e muscoli ben sviluppati.
Forte costituzione. Bel movimento veloce e sciolto

PROPORZIONI IMPORTANTI Altezza al garrese – lunghezza del corpo = 10 : 11

COMPORTAMENTO/CARATTERE Fedele, acuto e molto sveglio

TESTA
REGIONE DEL CRANIO
Cranio fronte ampia
Stop ben definito con leggera sutura metopica

REGIONE DEL MUSO
Tartufo desiderabile color nero. Canna nasale diritta
Muso moderatamente spesso e che si assottiglia
Labbra aderenti Mascelle/Denti forti con chiusura a forbice
Guance ben sviluppate
Occhi triangolari, non troppo piccoli, marrone scuro; gli angoli esterni degli occhi sono leggermente
orientati verso l’alto
Orecchi relativamente piccoli, triangolari, leggermente inclinati in avanti e fermamente eretti.

COLLO spesso, forte e ben proporzionato alla testa e il corpo

CORPO Dorso diritto e forte
Rene ampio e muscoloso
Torace profondo, costole moderatamente cerchiate
Ventre leggermente retratto

CODA inserita alta, spessa, portata vigorosamente arrotolata o ricurva come una sciabola; la punta quasi
arriva al garretto quando è lasciata cadere.

ARTI
ANTERIORI visti dal davanti, gli arti anteriori sono diritti
Spalla moderatamente obliqua
Braccio forma un angolo moderato con la scapola
Gomiti aderenti
Metacarpi leggermente obliqui
PIEDI dita serrate e ben arcuate. Cuscinetti spessi ed elastici. Unghie dure e scure sono desiderate.

POSTERIORI
Coscia Ben sviluppata
Gamba ben sviluppata
Garretto spesso e resistente
PIEDI dita serrate e ben arcuate. Cuscinetti spessi ed elastici. Unghie dure e scure sono desiderate.
ANDATURA leggera e vivace

MANTELLO
PELO mantello esterno ruvido e diritto, sottopelo soffice e fitto; pelo della coda leggermente più lungo e
sollevato
COLORE rosso, nero-focato, sesamo, sesamo-nero, sesamo-rosso
Definizione del colore sesamo: • sesamo: uguale miscela di peli bianchi e neri distribuita su tutto il corpo •
sesamo nero: più peli neri che bianchi • sesamo rosso: colore di base rosso, miscela con peli neri • Tutti i
colori di cui sopra, devono avere l’ “URAJIRO”
2
“Urajiro” = pelo biancastro sui lati del muso e sulle guance, sul lato inferiore della mascella e collo, sul
petto e stomaco e la parte inferiore della coda, e nella parte interna degli arti.

TAGLIA E PESO
Altezza al garrese Maschi 39.5 cm Femmine 36.5 cm C’è una tolleranza di 1,5 cm in più o in meno

DIFETTI.
Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato difetto e la severità con cui va penalizzato
deve essere proporzionata alla sua gravità in relazione e proporzione agli effetti negativi su salute e
funzione del cane
• Mancanza di dimorfismo sessuale
• leggero Enognatismo o prognatismo
• Mancanza di numerosi denti
• Timidezza
• pinto (pezzato)

DIFETTI ELIMINATORI
• Coda pendente o corta.
• Orecchie non erette
• Aggressività o eccessiva timidezza
• Ogni soggetto che mostri chiaramente anomalie psichiche o comportamentali dovrebbero essere
squalificati
• Grave enognatismo o progratismo
N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto.
Solo i soggetti funzionali e clinicamente sani, avente conformazione tipica della razza , dovrebbero
essere usati in riproduzione

Fonte: http://enci.it

I commenti sono chiusi